top

Possibili cause del mal d'orecchi a bordo

La pressione a bordo degli aerei di linea può essere ridotta fino a corrispondere a un'altitudine di circa 2.500 metri sul livello del mare. Questo provoca occasionalmente mal d'orecchi ai passeggeri, che si verificano soprattutto quando non c'è un perfetto equilibrio tra la pressione dell'orecchio medio e quella dell'ambiente. Il problema si presenta in particolare in caso di malattie da raffreddamento che provocano gonfiore dei seni nasali e del passaggio tra la parte posteriore della gola e l'orecchio medio (la cosiddetta tromba di Eustachio).

Meno problematico: il decollo
Di solito il decollo e la fase durante la quale l'aeromobile prende quota sono poco problematici, perché in cabina si ha un calo di pressione. La pressione più elevata presente nell'orecchio medio può essere compensata con relativa facilità attraverso la tromba di Eustachio anche in caso di raffreddamento.

Doloroso quando si è raffreddati: l'atterraggio
A causare più spesso problemi è l'atterraggio, perché con la perdita di quota e il nuovo aumento della pressione in cabina il rigonfiamento delle mucose provocato dal raffreddore può ostacolare la compensazione naturale della pressione. Ciò causa un calo di pressione nell'orecchio medio e una contrazione del timpano che può risultare dolorosa.

 
top

Ecco cosa può fare per prevenire il mal d'orecchi

La tecnica più usata per compensare la pressione è la cosiddetta manovra di Valsalva: si tappi il naso e con la bocca chiusa forzi l'aria nella parte posteriore della gola. Questo fa aprire la tromba di Eustachio e permette di compensare la pressione.

A scopo preventivo, circa mezz'ora prima che l'aeromobile inizi la sua discesa dalla quota di crociera applichi uno spray nasale decongestionante in entrambe le narici. Questo libererà i passaggi tra i seni nasali e l'orecchio medio permettendo di compensare la differenza tra la pressione esterna e quella dell'orecchio medio.

Può facilitare questa compensazione anche con i movimenti della masticazione: porti quindi con sé qualche gomma da masticare. Anche sbadigliare aiuta a equilibrare la pressione.

In caso di infiammazione grave dei seni nasali le consigliamo senz'altro di consultare un medico prima del volo.